domenica 17 marzo 2019

Villastellone 17/03/2019

7° edizione Stranarunner ,io personalmente ho partecipato varie volte a questa gara ma quest'anno il percorso è stato allungato a 11 chilometri e mezzo con un primo tratto sabbioso dove si è faticato un pochino , il solito suggestivo giro di boa dove ti incroci con i primi e siamo passati vicino a una cascina con gli animali e musica che ti caricava .
A proposito di musica, dopo un omaggio con un minuto di silenzio per una brava persona legata a questo sport che ci ha lasciato da poco , alla partenza hanno messo gli AC/DC a tutto volume e questo ci ha gasati non poco.
Io sono partito oggi bello tranquillo in quinta fila senza nessuna ansia , ho preso questa prima gara su strada per fare un bell'allenamento e per scrollarmi i pessimi piazzamenti su sterrato alle spalle .
Dopo il primo km di rodaggio ho iniziato a cercare di stare alla media di 4 al km , era quello il mio obbiettivo finale .
Con l'andare dei chilometri la mia condizione migliorava e sono riuscito a recuperare varie posizioni piazzandomi quinto di categoria e 19°assoluto in un tempo di 45:45
Vito di canto suo a fatto un super allenamento a Grugliasco di 10 km alla media di 4,03 e per essere da solo senza lo stimolo della competizione è un super tempo .

lunedì 4 marzo 2019

Venaria 03/03/2019

65° campionato nazionale di corsa campestre e quest'anno abbiamo la fortuna di correrlo vicino casa , dopo una stagione di cross combattuta preparata al meglio delle nostre possibilità ci approcciamo a quest'ultima gara non al meglio ma sempre decisi a onorare ogni passo lanciato in questo meraviglioso sport .
La location si presenta davanti ai nostri occhi molto bella con stand pieni di gente e da svariate parti d'italia , noto atleti giunti da Modena da Varazze e da tutte le parti del piemonte , una Doratletica festante e carnevalesca quasi al completo e un percorso molto bello pieno di tricolori che sventolano .
Assieme a Vito facciamo il solito rituale prima di ogni gara , un po di ginnastica per riscaldare i muscoli e un chilometro a ritmo blando con tre allunghi da 200 metri e con gente che ci legge il numero di targa , la categoria esposta in bella mostra nella schiena , e ci fa i complimenti perchè ci ritenevano più giovincelli di quello che in realtà siamo .
La partenza è un po intasata data la grande partecipazione e leggere la categoria nella schiena mi da uno stimolo in più per non mollare chi mi precede .
Prendo come riferimento due M50 che mi precedono e mi adeguo al loro ritmo , probabilmente potrei anche dare qualcosa in più ma le campestri non sono le mie gare e mi accontento di fare i tre giri in compagnia delle stesse persone anche se vedo Alessandro che nel secondo giro mi supera , per un attimo ho pensato , adesso lo seguo , ma ho desistito quasi subito .
Durante i primi due giri ho studiato il percorso per vedere dove era il migliore punto dove attaccare i miei compagni di viaggio , infatti arrivati a duecento metri dall'arrivo ho dato uno strappo riuscendo a guadagnare due posizioni .
Vito di par suo ha fatto una gara regolare riuscendo a fruttare i suoi allenamenti sullo sterrato e perdendo solo un minuto dai miei tempi .
Nel complesso sono stati tre mesi intensi e divertenti ma da adesso si inizia ad allenarsi per andare forte su strada , ne vedremmo delle belle anche nell'asfalto , ogni domenica ci sarà da soffrire ma questo sport come dico spesso ti ripaga di tutti i sacrifici fatti .
Classifica

martedì 19 febbraio 2019

Settimo 17/02/2019

Priva volta che partecipiamo a questa giovane campestre di Settimo Torinese giunta alla sua quarta edizione di questo trofeo Decathlon , organizzata dalla Olimpiatletica .
Il ritrovo in via De Francesco 120 in un grosso parco , il percorso molto bello intorno anche a un piccolo laghetto , molto tecnico con continue ripartenze date le molte curve , il terreno si presenta molto faticoso essendo la prima batteria a partire la nostra M50 con gli M55 e M60 , si presenta con molte cunette da appiattire con il passaggio dei vari atleti .
La nostra gara è stata regolare con una partenza abbastanza forte nel primo km ma subito le energie finiscono e bisogna risparmiarsi per non finire la benzina .
Infatti i miei diretti concorrenti dopo il primo chilometro capisco che non posso stargli vicino e mi "accontento" di stare attaccato ad un atleta che va a un ritmo per me sostenibile e piazzare l'allungo finale solo negli ultimi 200 metri conquistando una posizione e tenendo sempre un agguerrito Vito a una distanza visibile ma di sicurezza da un'eventuale attacco , ma ormai è molto vicino arrivando staccato solo di una posizione nella nostra categoria , undicesimo a un passo dalla premiazione.Un complimento a Paolo che dopo tutte le campestri corse per quattro km si è più che degnamente comportato con la distanza più lunga .
Un applauso a un intramontabile Giuseppe primo nella sua categoria M55 e ad Elio che mi ha preceduto nella nostra .
Classifiche
Giglio Giovanni 26:57
Amadio Vito      27:36