martedì 29 novembre 2011

Maratonina "Terre d'acqua"

1:41:35 per questa prima mezza maratona dopo il mio lungo stop forzato,
e per soli 5 secondi anche miglior tempo mai realizzato nella mezza.
Il record precedente risaliva al 25 aprile 2010 a Sangano.
Parto per la trasferta Trinese con alcuni miei compagni di squadra, e per una volta mi butto sui sedili posteriori
e mi rilasso per tutto il tragitto durato circa un oretta da Torino a Trino,e non dovendo guidare ho ancora il tempo per sonnecchiare un pò ;-)
Capiamo di esser giunti a destinazione solo dopo avere scorto il cartello "Trino",tutt'intorno nebbia fitta e freddo! molto freddo.
Ma nonostante tutto l'umore è alto,ho buoni propositi per la gara di oggi,anche perchè gli ultimi allenamenti sono andati piuttosto bene,e le conversazioni in macchina mi avevano dato una certa carica interiore.
L'obiettivo prefissato era di tenere almeno il passo di 5.0 al km,e immaginando un percorso quasi interamente piatto ho pensato che era alla mia portata.
Si parte! e svaniscono nella nebbia in un attimo davanti a me, tutti i miei compagni di squadra,seguo la massa a testa bassa,ogni tanto alzo la testa per capire cosa ci fosse davanti a me,ma la visuale è solo di una ventina di metri. Passano i primi 3 km,sto bene,le gambe girano e l'aria fredda non sembra darmi problemi,ma sento che il percorso è in un falso piano,un pò si sale,e un pò si scende.
Quindi non mi azzardo ad aumentare,mi son promesso di mantenere i 5 al km,eventualmente poi spingerò negli ultimi 5/6 km.
Ma arrivati al giro di boa,intorno al 12 km ho le idee un pò più chiare,ed inoltre finalmente si vede qualche raggio di sole,e la temperatura diventa più accettabile e gradevole.
Percorro 6 km (dal 13° al 18°) aumentando il ritmo fino a 4.40 senza faticare,controllo il cronometro che mi mancano gli ultimi tre km per giungere al traguardo,sto benissimo,e continuo a superare atleti che invece vedo in difficoltà.
Non immaginavo di riuscire a tenere ancora il passo più veloce,ma ero galvanizzato all'idea che forse avrei potuto battere il mio record,in più la strada era in leggera discesa,e allora spingo sulle gambe fino al traguardo facendo gli ultimi 3 km a 4.30.
Alla fine penso di aver fatto una buona gara,tutta in progressione,e mi sento soddisfatto, anche perchè il giorno prima non ci avrei scommesso un centesimo di chiuderla con una media di 4.49
Il prossimo appuntamento è l'11 dicembre alla Royal Half,gara che abbiamo fatto anche l'anno scorso io e mio cugino Gianni,e che ci è molto piaciuta sopratutto per quanto riguarda il percorso.
Naturalmente cercherò di limare ancora una manciata di secondi...chi lo sà...

domenica 13 novembre 2011

Maratona Torino 2011

Ciao a tutti oggi 13 Novembre 2011 ho corso la mia Terza maratona,pultroppo mio CUGino Vito non ha potuto prendervi parte perche arriva da un'infortunio,ma assieme a Raffaele e Gabriele si è affiancati a me al 25km (la famigerata salitona che da Rivalta porta a Rivoli).Ma partiamo con ordine.Erano tre mesi che preparavo questa maratona per poterla finire a 3,15,00 ma fin da l'inizio negli allenamenti avevo notato che facevo molta fatica a rispettare i tempi prefissi.Quindi in testa mia si è insinuato il tarlo dello scoraggiamento,ho pensato dall'inizio che il mio vero obbittivo era finirla,poi i tempi si sarebbero visti.Certo volevo a tutti i costi migliorare quella dell'anno prima,le 3 ore  e 30.Ieri sera con mio compare Roberto siamo andati a ritirare il pettorale e a mangiare al pasta party organizzato dalla Turin Marathon,e da li che è iniziata la vera maratona,Roberto mi ha simpaticamente "martellato" sul ritmo da tenere in gara,e li mi sono venuti molti dubbi,terrò i 4,47 per tutti i 42,200? mentre lui mi diceva che sarebbe andato oscillando dai 5,10 ai 5,19,dopo la fantastica gara che ha fatto mi viene il dubbio che era tutta pretattica eh eh eh.Questa mattina sveglia alle 6,00 colazione, the verde e 3 fette biscottate, e via al metrò che avevo appuntamento con Roberto.Arrivati alle porte palatine Roby si è fatto massaggiare mentre io che avevo troppa roba da levarmi non ho avuto voglia,mi sono fatto dare l'olio da l'oro e mi sono auto massaggiato.Alla partenza erano gia tutti schierati,quindi ci siamo portati davanti e abbiamo scavalcato le transenne finendo dietro i Keniani,e l'unica volta che li ho potuto vedere,da fermi....poi ne abbiamo perso le traccie.Per i primi km non ho voluto spingere e con una media di 4,55 ho fatto i primi 13 km,avendo sempre dietro Roberto che ogni tanto mi urlava Cumpaaaa.A un certo punto ci hanno affiancato in bici Ennio e Diego che ha dato una grossa mano a Roberto,dettandogli un po i tempi e la tattica,e passandogli una barretta energetica.Da Orbassano non so se l'ho staccato io ho ha un po mollato lui ma non sentivo piu i suoi richiami.Arrivato al 25 km mi hanno affiancato i cugini (si anche loro Cugiii) Raffaele e Gabriele e un km piu avanti (sta volta il mio Cugino) Vito.Devo dire che con il loro entusiasmo mi hanno ravvivato nella tosta salita di Rivalta,e anche vedere tutta la gente che ti incoraggia e ti saluta e un bello stimolo.Nel percorso ho avuto il piacere di salutare la Zia Ninetta mio cognato Rosario,il compagno di squadra della Certosa Fedele,e questi incontri ti danno una grande spinta.Arrivati al 30 km cè stata l'apoteosi,con lo stend de "La Certosa" che mi hanno incoraggiato e messo una carica incredibile,non posso fare tutti i nomi ma ce n'erano molti,dai cugi Giusy e Andrea a Pietro che ha corso un pezzetto affianco a me e mi ha detto di stare concentrato!!una sola parola... un grande....Li Cugi Vito mi ha salutato perchè aspettava Roberto.Io ho continuato la mia corsa con i mitici Raffaele e Gabriele che mi hanno tirato per gli ultimi km e mi hanno spinto a fare l'ultimo km a 4,00.Devo ringraziarli pubblicamente sono stati in gamba.Grazie a loro mi sono molto avvicinato a Luca La Sana che ha finito la sua gara con un'ottimo 3,22,13,forse ha patito un po il fatto di essere partito forte,ma rimane sempre un ottimo atleta, a me mancha ancora qualcosina per raggiungerlo ma lo stimo molto per la sua grinta.Io ho finito questa mia terza maratona a 3,22,20.ha 7 secondi da Luca,non è il tempo che mi avevo prefisso,ma è sempre un miglioramento, confronto all'anno prima di ben 8 minuti.La posizione generale per la cronaca è 676°.Il mio compare Roberto è andato in progressione affiancato da Vito con un strepitoso 3,28,06 posizionandosi 865° un miglioramento da fantascienza confronto all'anno prima di ben 42 minuti....non ho parole (sarà stato il massaggio?).All'arrivo con grande mia gioia,negli spalti cerano la mia fantastica famiglia (composta da mia moglie Gabry e la mia bambina Emanuela,il cane Duchessa pultroppo non è stata presente) Milena (la fantastica Cuginetta) e il mio grande amicone Ciro con la dolce metà.Alla fine grande Magnata tutti assieme a base di Kebab,per recuperare le energie perse,ci difendiamo tutti bene a tavola,ma la medaglia di primo assoluto la merita Raffaele,che il tempo che noi davamo il primo morso,lui aveva gia finito il panino e si apprestava ad addentare l'altro,viaggia a 2 al minuto....Pultroppo non ho visto ne alla partenza ne all'arrivo Max Nanotti anche lui grande atleta della "Certosa" (oltre che gran brava persona)ho cercato il suo tempo sul Sdam e ho visto che è arrivato con il tempo di 4,07,35  so che non l'ha preparato al meglio,ma gli mando i miei complimenti perchè partecipare a una maratona e portarla a termine è una sfida di vita che ci abitua allo sforzo e al sacrificio,che in questi tempi non molto belli per la nostra patria, può essere una palestra, oltre ad abituare il nostro corpo ,abitua il nostro spirito al sacrificio.Un complimento speciale a Palmitessa Marco,che è arrivato primo di noi "Certosini" con il tempo ragguardevole di 3,07,34.Spero che siete riusciti a reggere fino in fondo il mio piccolo racconto,a presto se avete ancora voglia di leggere il nostro amore per questo sport semplice ma che nasconde dentro di se grande spirito...si quel spirito che molti sport diciamo fra virgolette "grandi" hanno perso,cioè il rispetto per l'avversario.......

martedì 8 novembre 2011

Falchera (6km)

 Vito  alla riscossa. foto:Podoandando

Trent'anni dopo ritorno nel quartiere Falchera
ho ancora dei vaghi ricordi,quando da piccolo giocavo nei giardinetti con i figli
di alcuni colleghi di lavoro dei miei genitori.
Piove ormai da qualche giorno un po' ovunque ininterrottamente,e strada facendo notiamo con un po' di preoccupazione la forte corrente dei corsi d'acqua.
Arriviamo a destinazione e troviamo parcheggio vicino la zona partenza,la gara di oggi forse a causa delle avverse condizioni metereologiche non e' molto affollata,ma per me non ci sara' comunque nessuna speranza di piazzamento :-))
Manca una settimana esatta alla Turinmarathon,ma mio cugino Gianni non sembra intenzionato a fare regali a nessuno,quindi manterra' un discreto ritmo gara oggi,cercando di tenere dietro i diretti avversari...
Infatti Fabrizio Gatti lo precede di qualche secondo,e purtoppo questi pochi secondi significano anche la perdita della decima posizione di categoria ed il relativo piazzamento.
Il percorso di oggi e stato ridotto a soli 6 km anziche' i circa dieci previsti,a causa appunto della pioggia che ha reso impraticabile parte del tracciato di gara,quindi la gara e' stata veloce,ed ha un po' penalizzato chi faticava a carburare,ma ha favorito chi è  riuscito ad impostare da subito un buon ritmo.
Tenendo conto che oggi era anche l'ultima gara di campionato interno della nostra societa'
c'era da mettere in preventivo che un po' tutti avrebbero dato qualcosa in piu' per chiudere l'anno agonistico in bellezza. Infatti restano agganciati alla locomotiva Moretti in ordine di arrivo: il presidente Robbe,Bergonzo,Gatti e Giglio.
Mastrosimone Nanotti e Maggi rientrano tutti e tre nel minuto 25,e si forma un nuovo terzetto inedito che promette belle emozioni,complimenti ragazzi perchè state andando molto bene.
E poi la volta dei cugini  De luca, e Cavaliere,che a mio avviso il prossimo anno faranno un campionato strepitoso,perchè hanno voglia,forza e grinta da vendere.
Io mi colloco dietro Biagi,Sansonne e Moscato,e mi ritengo molto soddisfatto di questa mia gara di oggi,avendo corso intorno i 4.30 al km, grazie anche a faticosi allenamenti e devo dare merito ai molti consigli di mio cognatino Andrea che ringrazio pubblicamente su questo blog.
Le gare sono finite,ma l'attività agonistica continua,cè la preparazione invernale che ci attende,e sicuramente noi cugini parteciperemo ancora a qualche garetta a cavallo tra fine novembre e inizio dicembre.
Un grande in bocca al lupo a mio cugino Gianni che domenica affronterà la sua terza maratona,e all' amico Roberto che vivrà la sua seconda esperienza nei mitici 42 km e 195 metri.