martedì 15 aprile 2014

Tuttadritta





Giglio Gianni  38:48
Amadio Vito 42:47

Per entrambi i cugini si tratta del nostro record personale in questa manifestazione ed ovviamente
record personale dei 10.000

Nella foto alla galleria S.Federico con alcuni nostri compagni di squadra prima della partenza.Max,il compare Raffaele,Marco e Silvia. Il resto della squadra era impegnata alla gara di Pianezza,ma noi siamo molto affezzionati a questa classica dieci km e non potevamo di certo mancare oggi.
Gianni puo, ritenersi molto soddisfatto perche'  ci teneva a scendere sotto i 39 minuti,e come prevedeva e' riuscito a fare una grande gara tenendo una media costante sempre intorno i 3.50 al km e finendo a 3.42 nel ultimo km. Una caratteristica quella di Gianni di non mollare mai sopratutto nel finale,non solo nelle gare ma anche durante i duri allenamenti. Ed e' proprio per questo motivo che continua a fare bene e migliorare ogni anno.Anche il compare Raffaele chiude la sua performance abbondantemente sotto i 40 minuti,risultato di tutto rispetto anche per lui che dopo un 2013 ad alti livelli anche quest'anno dimostra grinta e carattere.
Il mio obiettivo quest'anno era di chiuderla in 42' un risultato alla mia portata ma che purtroppo non e' stato raggiunto.
Dopo una partenza controllata dove ho cercato di non partire con la solita foga,mi sono accodato al palloncino dei 4.15 al km facendomi fare il passo per rimanere il piu' concentrato possibile solo nella corsa. Infatti la mia gara e' stata molto regolare anche se la mia lepre e' risultata essere leggermente piu' lenta,e forse per questo motivo non sono riuscito a chiudere in 42:00 ma sono contento lo stesso perche' per la prima volta sono arrivato al traguardo bene,in leggera progressione,facendo gli ultimi due km in 4.08 e 4.10
Dopo la gara vino e casatiello di Raffaele insieme agli amici e compagni di squadra per chiudere alla grande anche questa domenica di sport.

3 commenti:

  1. Volevo fare i complimenti anche a Mariano che è sceso sotto i 40 minuti, e Francesca che come il vino più passa il tempo più migliora

    RispondiElimina
  2. Gianni, grazie! Quel minuto che ci separa è incredibilmente faticoso da colmare: è più facile camminare sui carboni ardenti!

    Vito, ti ho visto arrivare bene e poco affaticato: questo significa che hai del tempo da perdere ;-) Se non ti fai accoppare da corpi metallici in movimento ed io non mi massacro qualche legamento, il prossimo anno facciamo due nuovi record! Sicuri!
    A presto!

    RispondiElimina
  3. Mariano ho dei sospetti che qualcuno visto il mio real time abbia cercato di farmi fuori.Farò avviare dai servizi segreti un indagine eh eh eh...complimenti per la tua ottima gara.

    RispondiElimina