lunedì 23 febbraio 2015

Cross di Moncrivello (VC)




Arrivo in grande stile grazie al pulmann messo a disposizione degli atleti per questo quarto cross stagionale. Arriviamo nel piccolo paesello del vercellese e interrompiamo la quiete di questa piccola comunità che ci osserva stranita dai balconi..
Siamo un bel gruppo nonostante le numerose assenze per piccoli acciacchi di stagione. Il percorso si presenta molto insidioso con partenza su un breve tratto asfaltato e poi subito campi e boschi in un continuo saliscendi e repentini cambi di direzione. Il primo km è stato il più veloce poi sempre più difficile. Purtroppo a causa di alcuni tratti di asfalto non è stato possibile mettere le chiodate e tutto ciò ha reso tutto molto più difficile e faticoso. Gianni ad un certo punto perde il cartellino e non rimane concentrato,questo contrattempo lo penalizza un pò. Molti atleti fanno fatica a stare in equilibrio in alcuni tratti dove si arriva in velocità e poi si deve cambiare velocemente direzione. Alla fine riesce comunque ad ottenere un buon 12 posto di categoria. Anche la mia gara non è andata male e sono in costante miglioramento, arrivando circa un minuto dietro il cugino gianni.
La fatica si fa sentire da subito non appena iniziano i brevi ma continui strappi in salita dove il fango non ti permetteva di avanzare e spesso si rischiava di cadere. Le gambe messe a dura prova però reagiscono bene e nonostante dopo soli 3 km ero praticamente stremato ho mantenuto la mia posizione fino alla fine. 
GIANNI  21:49    12esimo cat.
VITO       22:50    21esimo cat.
Il garmin segnava circa 4km e mezzo.
La Doratletica si piazza al terzo posto.


6 commenti:

  1. Curta ma fetente,la chiamerei cosi questa gara , è stata una bella esperienza ,sia il contesto di tutto che la gara in se ,bello il viaggio in pulmino che ha cementato la squadra , sia la gara per il percorso breve ma intenso.

    RispondiElimina
  2. Cugi peccato solo per quei due brevissimi tratti di asfalto che non ci hanno permesso di utilizzare le chiodate. Perchè il percorso è stupendo ma con il fango di ieri era impossibile stare in piedi. Io consiglierei agli organizzatori che in caso di fango come ieri spostare partenza e arrivo di qualche centinaio di metri in modo da poter correre sempre sul terreno.

    RispondiElimina
  3. Ehi, ma che bei posti!! Mi piacerebbe gareggiare nelle vostre zone!!!

    RispondiElimina
  4. E per noi sarebbe un onore ospitare una campionessa come te 😉

    RispondiElimina
  5. complimenti per la prestazione su un terreno difficile

    RispondiElimina
  6. ciao cuginichecorrono da parte dei colleghichecorrono (uno lo conoscete bene è Alessandro), ok per il gemellaggio tra quellichecorrono ci vediamo a Ciriè

    RispondiElimina