mercoledì 10 ottobre 2018

Torino half marathon 07/10/2018

Torino half marathon 2018 dopo l'esperienza dell'anno scorso assieme a mio cugino Vito ,quest'anno replico assieme a Marcello ,mentre mio cugino non avendo i chilometri nelle gambe ha preferito saltare questa seconda edizione , che mantiene lo stesso percorso ma cambia l'arrivo non più in piazza San Carlo ma nella ancora più affascinante piazza Castello .
La mia gara è stata regolare dietro i palloncini dell'ora e trenta con un aumento di passo negli ultimi tre chilometri fermando il mio cronometro a 1,28,10 .
Ottime prestazioni anche di Roberto molto regolare e Marcello che ha fatto il suo personale nella mezza .
Ritiro pacco gara

Giornata molto divertente con risaldamento in compagnia di amici della Doratletica e una simpatica ragazza di Susa alla sua prima mezza , corsa senza particolare fatica con Roberto e Gianluca .
Mi ha affiancato anche Fabio in bici ed è stato molto d'aiuto .
IL ritorno in metrò è stato un momento di aggregazione e la conoscenza di vari personaggi che animano la nostra bella città in una sana giornata di sport.
Di seguito riporto la cronaca della gara riportata dalla casa del running.
Il sole splende su Torino e sulla Torino Half Marathon. L’edizione 2018 della mezza del capoluogo piemontese  si è corsa oggidomenica 7 ottobre, con partenza alle 10:00, ed è stata una festa. Sul gradino più alto del podio è sventolata la bandiera del Kenia con i portacolori della run2gheter Charles Karanja Kamau e Viola Jelagat, protagonisti assoluti della corsa.

Entrambi sono arrivati in una Piazza Castello spettacolare, con il pubblico delle grandi occasioni. E grande occasione è stata, soprattutto per la performance di Kamau, che ha fermato il cronometro a 1:00:47nuovo record della manifestazione declinata al maschile.

Jelagat, fresca medaglia d’oro e di bronzo, la prima a squadre la seconda individuale, al Mondiale di corsa in montagna, ha tagliato il traguardo dopo 1:12:00, rispondendo alla grande alla rimonta della connazionale e compagna di squadra Caroline Cherono
IL CAPOLAVORO DI KAMAU
Per Charles Karanja Kamau è stata una “prima col botto”. All’esordio sulla distanza, il keniano ha aumentato il ritmo all’11° km, lasciando poche possibilità di replica agli avversari, soprattutto a Maritim e Mburugu, che fino a quel momento gli erano stati al passo. Al 5° km sono passati dopo 14’26”, al 10° km dopo 28’36” e al 15° km dopo 42’58”.

L’atleta della run2gheter, che a Torino era salito sul terzo gradino del podio il 14 aprile scorso alla TuttaDritta, la 10 km primaverile firmata da Team Marathon, ha tagliato la finish line in Piazza Castello nel tempo di 1:00:47, facendo segnare il nuovo record del percorso.

Secondo è giunto il keniano e compagno di squadra del mattatore della giornata Philimon Kipkorir Maritim (1:01:24); terzo il portacolori dell’Atletica Saluzzo Sammy Kipngetich (1:02:22), che ha completato un podio tutto keniano.

Sesto il primo italiano, Giovanni Gualdi (Corrintime) in 1:07:15, che ha commentato, sorridendo, la sua gara: «È sempre un piacere tornare a Torino (si è laureato, proprio nel capoluogo piemontese, campione italiano di maratona nel 2011), è un percorso bello e straveloce, ma per correre su un percorso così veloce, bisogna avere gambe altrettanto veloci».

VIOLA JELAGAT È LA REGINA
Viola Jelagat (run2gheter) ha costruito la sua vittoria chilometro dopo chilometro, sempre in testa. Da prima tallonata da un gruppetto di altre tre atlete composto dalle connazionali Caroline Cherono(run2gheter) e Vivian Jerop Kemboi (Atl. Saluzzo), oltre all’etiope Addisalem Belay Tegegn (Atl. Brugnera), ha timbrato il passaggio al 5° e al 10 km rispettivamente in 16’32” e 33’11”.

Al 20° km Jelagat si è portata a 20 secondi dalle dirette avversarie, ancora insieme. L’unica a rispondere al suo attacco è stata Cherono, che al 19° km si è portata a 9 secondi dalla battistrada.

Jelagat ha tagliato il traguardo dopo 1:12:00, davanti a Cherono (1:12:08) e Tegegn (1:12:33).

Prima italiana in classifica la torinese Giorgia Murdolo (Podistica Torino) in 1:22:41.

Nessun commento:

Posta un commento